In arrivo in UK l’istruzione ‘scontata’

university gratuation hats

Se l’università non raggiunge un certo standard, sarà costretta ad abbassare l’importo delle tasse, offrendo così un’istruzione ‘scontata’. Questa è la buona notizia che arriva per l’educazione universitaria inglese, che attualmente costringe gli studenti e le loro famiglie a pagare £9000 all’anno indipendentemente dall’ateneo.

Verrà quindi stilata una classifica delle università e per la prima volta verranno usati i criteri Ofsted (acronimo di the “Office for Standards in Education, Children’s Services and Skills”). La brutta notizia è che gli atenei che otterranno un punteggio alto saranno autorizzati ad aumentare le proprie imposte.

I cambiamenti sono stati annunciati ieri dal governo e dal prossimo settembre tutte le università potranno innalzare le proprie anche al di sopra del presente tetto massimo. L’anno seguente potranno presentarsi per farsi valutare da un gruppo di esperti che userà i seguenti giudizi: in linea con le aspettative, eccellente o notevole.

A partire dal 2019 solo le università che otterranno uno dei due migliori giudizi potranno alzare le tasse, sempre in linea con l’inflazione, mentre quelle col punteggio più basso dovranno dimezzare i contributi richiesti agli studenti.

Secondo il Department for Business, Industry and Skills questo sistema permetterà la formazione di un’offerta più vasta di università fra cui scegliere.

Inoltre verrà creato un organismo di controllo, the Office for Students, che verificherà le informazioni pubblicate dalle università riguardo l’etnicitità, il genere e le condizioni socio-economiche dei suoi studenti e monitorerà che gli studenti svantaggiati, perchè appartenenti ad una minorità etnica, accedano in egual modo all’istruzione universitaria.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>